Samsung Pay: Come Funziona il sistema di Pagamento con SmartPhone

I pagamenti mobili sono considerati oggigiorno estremamente comodi. Basta infatti avvicinare lo smartphone al POS di turno e il gioco è fatto. Se ciò è possibile, il motivo principale risiede in un’apposita mobile app. In questo senso, Samsung Pay va a ricoprire un ruolo di leadership nel campo dei pagamenti mobili assieme a Google Pay ed Apple Pay.

Samsung Pay è infatti l’innovativo servizio di pagamenti digitali proposto dall’azienda di Seul, leader da anni nel campo tecnologico. Il debutto dell’e-wallet è datato 2015 in Sud Corea. In Italia, il servizio relativo ai pagamenti elettronici si è avuto nel 2018.

A cosa Serve

Dall’ultima frontiera dei pagamenti mobili, non ci si poteva aspettare che un ruolo da assoluta protagonista, per ciò che concerne Samsung. Detto, fatto. L’App Samsung Pay consente a chi ha un smartphone Samsung di poter pagare i propri acquisti nei negozi ed esercizi commerciali utilizzando direttamente lo smartphone, senza la necessità di avere del denaro contante o estrarre dal portafogli carte di debito o credito.

Samsung Pay
Samsung Pay

Basta infatti avvicinare lo smartphone o lo smartwatch Samsung al POS contactless dell’esercente, accessoriato con questa nuova funzione di pagamento adeguadamente configurata, ed il gioco è fatto.

Come funziona Samsung Pay?

Una volta scaricata e installata l’app dallo store di Google (ricordiamo che per molti Samsung, la mobile app è disponibile già in maniera predefinita), sarà opportuno avvicinare lo smartphone/smartwatch al terminale di pagamento POS dell’esercizio commerciale di riferimento. In fase di autentificazione di ogni pagamento di importo viene richiesto ad ogni utente una credenziale di accesso: questa può essere l’identificazione dell’iride, l’inserimento di un PIN o il riconoscimento dell’impronta digitale. Questione di sicurezza, da sempre cavallo di battaglia di Samsung. La transazione potrà essere effettuata in qualunque momento, anche se non c’è collegamento ad internet.

I passi da fare per effettuare un pagamento sono molto semplici:

  • Aprire l’appSamsung Pay sul vostro SmartPhone
  • Selezionare la carta da utilizzare per il pagamento (nel caso ne aveste associata più di un all’app)
  • Autorizzare il pagamento tramite una delle tre modalitò sopra descritte
  • Avvicinare il telefono al POS dell’esercente

Quello che rende unica la mobile app del Colosso Sudcoreano risiede nella vantaggiosa opportunità di poter portare a termine pagamenti tramite NFC e MST. Quasi tutti gli e-wallet funzionano tramite collegamento NFC. La loro compatibilità è limitata ai terminali di pagamento POS, contraddistinti dalla presenza di questa tecnologia. Samsung Pay, di converso, non dispone solo del sistema NFC, in quanto può contare anche sul sistema MST (che però non viene utilizzata in Italia). In sintesi, Samsung Pay può emulare alla perfezione la striscia magnetica presente sul retro di qualsiasi carta di pagamento, permettendo di effettuare i pagamenti mobili anche con i POS più datati, non solo con i terminali più recenti.

Configurazione di Samsung Pay

Tutti i più autorevoli Istituti bancari supportano Samsung Pay. In riferimento ai circuiti di pagamento, Samsung Pay accetta VISA, Maestro, Mastercard e Vpay. Le banche italiane le cui carte di debito e credito sono compatibili con il sistema di pagamento ad oggi sono: Banca Mediolanum, BNL, Findomestic, Hello bank!, BPER Banca e le banche partner, CartaBCC e le banche partner, CheBanca!, Intesa Sanpaolo, Nexi e le sue banche partner, Volksbank , UBI Banca, e UniCredit.

Le operazioni di configurazioni si dimostrano estremamente intuitive, dato che occorre una connessione ad internet e un account Samsung. Solo in questo modo è possibile iniziare le operazioni con la rivoluzionaria mobile app dell’azienda di Seul. Si consideri che i possessori di smartphone e smartwatch Samsung, non devono creare alcun account, in quanto risulta disponibile in maniera predefinita sul loro telefono/indossabile. A questo punto, ecco i passaggi relativi alla configurazione di Samsung Pay.

  • Download ed installazione di Samsung Pay sul dispositivo mobile di turno
  • Accesso alla mobile app mediante l’account Samsung
  • Accettazione delle condizioni di utilizzo
  • Impostazione del metodo di verifica: le tre opzioni sono la scansione dell’iride, la lettura delle impronte digitali o l’inserimento di un PIN
  • Configurazione della carta di pagamento che verrà impiegata. Occorrerà selezionare la voce “Aggiungi Carta” come step iniziale
  • Inquadratura della propria carta di pagamento con la fotocamera del proprio dispositivo. L’acquisizione dei dati diventerà effettiva di default
  • Inserimento del nome dell’intestatario della carta di pagamento
  • Inserimento del codice CVC
  • Conferma della propria identità. Le operazioni sono diverse a seconda dell’istituto di credito a cui si fa riferimento. Le alternative sono la mobile app della banca, telefono, e-mail o SMS

Dal momento in cui la carta di pagamento sarà connessa alla mobile app di Samsung, si potrà procedere con i pagamenti elettronici, avvicinando lo smartphone o lo smartwatch al POS di turno. Le operazioni eseguibili tramite “orologio intelligente” sono sostanzialmente le stesse indicate in precedenza.

L’unica differenza risiede nel fatto che occorrerà installare l’applicazione Samsung Gear e, a seguito dell’apertura delle impostazioni, basterà selezionare “Samsung Pay”. Poi le operazioni saranno esattamente le stesse già indicate. Chi desidera aggiungere più carte di pagamento, non dovrà far altro che replicare le operazioni qui descritte per ognuna di queste.

Cosa si può Acquistare

Una volta nel negozio o nell’esercizio commerciale che accetta i pagamenti elettronici, tenendo conto che l’app di Samsung è già installata sul dispositivo, basterà aprirla, scorrere verso l’alto la parte inferiore del display, optare per il ricorso alla carta di pagamento che si intende utilizzare tra quelle che compongono il proprio e-wallet, procedere all’autentificazione di pagamento con uno dei tre metodi a scelta, avvicinare lo smartphone o lo smartwatch Samsung al POS, tenendolo grosso modo a 5 centimetri di distanza. In questo modo, il pagamento avverrà e la cifra risulterà addebitata sulla carta di pagamento di turno, sulla base delle modalità che il circuito prevede.

Sicurezza dei Pagamenti

Per concludere, con Samsung Pay, la sicurezza è ai massimi livelli, perché la scansione dell’iride, la lettura dell’impronta digitale o la digitazione del PIN autentificano i pagamenti in maniera preventiva. Ma non è tutto. Samsung Knox, la piattaforma di criptazione, presente in ogni smartphone dell’azienda sudcoreana, svolge in quest’ottica il suo ruolo alla perfezione. Infine, la tokenizzazione dei dati è altamente sicura, perché le informazioni vengono memorizzate in maniera crittografata.

Questo vuol dire che i dati della carta di pagamento non vengono mai immagazzinati nella memoria dello smartphone o dello smartwatch Samsung, affinché non vengano condivisi con terze parti i dati personali. In riferimento alla carta di pagamento, la mobile app di Samsung memorizza solamente una versione virtuale.

Leave a Reply