WhatsApp Pay al via nel 2020 per pagare e trasferire denaro

Una grande novità per quanto concerne i sistemi di pagamento del futuro: infatti sembra ormai pronta ad essere lanciata la nuova formula per far muovere il denaro via web. Si tratterà di Whatsapp Pay di cui è bene conoscere svariati aspetti per capirne bene il funzionamento.

Zuckerberg e l’occhio rivolto al futuro

Che i social network siano ormai diventati molto più che un semplice strumento di comunicazione non appare certo una novità. Vale la pena considerare quella che sembra essere una novità rivoluzionaria, ovvero la nascita di Whatsapp Pay. Si tratterà di un servizio che permetterà agli utenti di scambiare denaro sfruttando l’app di messaggistica istantaneamente. Il che renderà tutto molto più rapido e soprattutto manterrà un’elevata efficienza. Infatti grazie a questa soluzione diventerà molto più rapido effettuare dei pagamenti mediante app controllata dal colosso di Menlo Park. Presto sarà disponibile in tutto il mondo dando così modo di sfruttare tutti i suoi notevoli vantaggi.

I primi test assolutamente positivi

Per la prima volta il lancio ufficiale è avvenuto in zona extra-europea. Infatti il servizio gestito dal sistema di messaggistica è stato attivato in India: una fase di sperimentazione durata per tutto il 2018 e che ha riguardato un numero molto elevato di utenti. Oltre un milione sono infatti coloro che hanno potuto scambiare cifre di denaro in pochi e semplici step. I risultati sono stati molto positivi a tal punto che colui che ha fondato Facebook ha deciso di voler ampliare questa sperimentazione anche ad altre zone del mondo. Un successo che potrebbe materializzarsi non appena partirà a tutti gli effetti Whatsapp Pay che sembra trovare tanti riscontri positivi sul web. Nei prossimi sei mesi sono attese novità molto importanti in tal senso in quanto potrebbero essere diversi i paesi in cui verrà lanciata questa nuova possibilità per pagare. Il The Economic Times ha comunicato che il lancio riguarderà molti dei paesi occidentali.

WhatsApp Pay
WhatsApp Pay

Un annuncio volto ad accrescere l’economia dei social

Il modo di intendere i social è molto cambiato rispetto a quando essi sono stati creati. In particolare, Zuckerberg ha annunciato che c’è un continuo aumento degli utenti che usano Whatsapp per cui è lecito attendersi uno sviluppo continuo anche del servizio per agevolare i pagamenti. Il che rientra nel business di Facebook: stando a quanto riportato dallo stesso creatore del social, sono oltre 140 milioni le aziende che usano i servizi del portafoglio Facebook. Un dato non da poco soprattutto se si pensa che il fatturato di Facebook, Instagram e Whatsapp è arrivato oltre i 200 milioni di euro. Un autentico colosso nell’ambito delle comunicazioni dunque.

Tutto su Whatsapp Pay

Inizialmente è partito in sordina il test di Whatsapp Pay che ha riguardato l’India nel 2018. Le cose poi sono cambiate già dopo qualche settimana dal lancio dato che oltre un milione di utenti nel paese ha usato questa piattaforma per lo scambio di denaro. E soprattutto lo hanno continuato a fare con costanza nell’arco delle settimane successive a dimostrazione che non si trattasse solo di potenzialità, ma di reale opportunità. Il sistema in questione, ovvero Whatsapp Pay, è molto simile anche ad altre piattaforme che hanno funzioni simili. In esso va associato un conto corrente o anche solo una carta di credito.

Questa consentirà non solo scambio di denaro tra utenti, ma anche la possibilità di effettuare dei pagamenti ad esercenti. Oltre a dover considerare che sarà molto più semplice pagare gli esercenti che attivano l’e-commerce che supportano Whatsapp Pay. Potranno quindi diventare molto più semplici delle operazioni che normalmente richiedono il collegamento ad altri portali. Infatti grazie ad una soluzione del genere si potranno acquistare biglietti per viaggi o anche completare ordini di prodotti online, oltre a pagare le bollette e perfino il conto di un ristorante o una multa. Un successo preannunciato e che potrebbe presto prendere la strada del colosso eretto da Mark Zuckerberg.

Leave a Reply